Loading...
La fisarmonica di Leonardo Da Vinci 20092018-11-09T08:29:43+00:00

Memorie in un mantice – Trailer

Si chiama “Le memorie in un mantice” il documentario realizzato da due giovani del posto, Alessandro Giambartolomei e Paolo Strologo, grazie ai contributi della legge regionale sulla fisarmonica. Un viaggio perfettamente calato nel tessuto sociale della città che sullo strumento ad ancia ha fondato le proprie radici e la sua ricchezza non solo economica. Abbiamo parlato con i due giovani.

Da che cosa è nata l’idea?
«L’intenzione è di dare un’immagine più umana alla fisarmonica, cardine dello sviluppo storico, culturale ed economico della città di Castelfidardo, passando per le memorie di chi ne ha fatto la propria vita. L’elaborato finale è un docufilm in cui i sette protagonisti raccontano il loro rapporto con la fisarmonica e come questa ha influenzato le loro vite perché ognuno è stato a suo modo un personaggio di spicco nell’ambito musicale fidardense».

Che cosa rappresenta per voi la fisarmonica?
«Per noi la fisarmonica non è solo uno strumento musicale ma un mezzo di aggregazione e di diffusione culturale, sicuramente sia in passato che oggi il punto di forza per far conoscere Castelfidardo, sua patria fondatrice, nel mondo».

Quali riscontri avete avuto dopo la creazione del documentario?
«Il fatto di aver dato questa voce nuova alla fisarmonica ha trovato un ottimo riscontro sia da parte dei cittadini fidardensi sia dai partecipanti del Pif 2017, premio internazionale di fisarmonica. Per considerare il reale riscontro con il pubblico però dobbiamo aspettare di pubblicare la versione integrale del film. Fondamentale è stato il connubio tra il taglio fresco e giovanile del nostro lavoro e le testimonianze esperte degli intervistati».

Quali sono i vostri progetti per il futuro?
«Stiamo valutando come far crescere questo progetto e quali canali poter sfruttare per far conoscere questo importante spaccato storico. L’idea era quella di poter realizzare un altro docufilm basato sul presente della fisarmonica coinvolgendo questa volta i giovani che ne fanno parte».

Alessandro Giambartolomei e Paolo Strologo
Alessandro Giambartolomei e Paolo Strologo
Alessandro Giambartolomei, 28 anni di Castelfidardo, è laureato in Disegno industriale e ambientale alla facoltà di Architettura di Ascoli Piceno e poi si è specializzato in Fotografia alla magistrale dell’Accademia di Belle arti di Macerata. Appassionato di fotografia, di reportage e di viaggio, la sua più grande curiosità nel lavoro è ricercare storie e stare a contatto con le persone per poi crearne una testimonianza. Adesso sta lavorando nel settore fotografico non solo come reporter ma anche in altri ambiti (eventi, moda e ritrattistica).
Paolo Strologo, 32 anni di Numana, è un videomaker autodidatta che ha iniziato a filmare per gioco nell’ambiente degli sport d’azione e soprattutto nella bmx, il suo ambiente natio. Ad oggi produce video musicali e promozionali e segue progetti video sugli “action sports” e il territorio marchigiano.