Chi siamo – Cosa facciamo2018-10-17T21:13:42+00:00

Il Centro Studi Storici Fidardensi Don Paolo Pigini (in breve CSSF) ha lo scopo di riunire tutti coloro che intendono porsi al servizio della comunità cittadina per:

  1. ricercare attraverso studi e documentazioni e diffondere la conoscenza della storia, delle tradizioni, della cultura e del dialetto di Castelfidardo con pubblicazioni, convegni, mostre, conferenze ed altre iniziative;
  2. tutelare e valorizzare, nel pubblico interesse e per la fruizione di tutti, i beni storico culturali, artistici, archeologici locali.

Per il conseguimento delle sue finalità, il CSSF si propone:

a) di collaborare con gli organi comunali competenti, con enti pubblici e/o privati e con le scuole ed i musei cittadini;

b) di promuovere e favorire iniziative di collaborazione con enti ed associazioni similari, locali e sovra comunali, operanti nel settore.

Il Centro Studi Storici Fidardensi Don Paolo Pigini nasce ufficialmente a Castelfidardo nel 1992, con tanto di Statuto sociale, su iniziativa di alcuni volenterosi ed amanti di storia locale dietro la travolgente spinta dell’intramontabile ed inesauribile Dott. RENZO BISLANI. Fin dai primi momenti l’energia e lo spirito di voler fare sono stati ai massimi livelli per cui le iniziative messe in cantiere sono state numerose ed interessanti: conferenze, incontri di storia con parrocchie e quartieri, mostra fotografica.

Nel 1993 realizza una serie di conferenze culturali, “Martedì ore 21: Storia” oltre a continuare gli incontri con i quartieri. In tale anno il CSSF organizza anche il concorso sul dialetto e tradizioni castellane “Castello di una volta”. L’anno successivo si continua con le serate culturali “Lunedì ore 21: Storia”.

Nel 1995 viene ufficializzata la costituzione del CSSF davanti al Notaio Borrelli di Castelfidardo ad opera di tre instancabili appassionati: l’immancabile Renzo Bislani che assumerà la presidenza pro tempore del centro, Tonino Magnaterra eletto segretario tesoriere e Federica Arzeni; le suddette persone rimarranno in carica fino alla convocazione di una regolare assemblea costituita da almeno 20 soci che provvederà ad eleggere i nuovi organi direttivi.

Negli anni successivi il Centro rallenta un po’ la sua attività ad eccezione delle ricerche storiche continuate dal presidente.

Nel 1998 viene organizzata una bellissima ed interessante manifestazione “GIOVEDI ORE 21: LAUREA IN …” dove in sei serate una trentina di giovani castelfidardesi laureati negli anni 90 hanno presentato al pubblico ed alla comunità le loro tesi di laurea. Sempre in tale anno viene presentata all’Amministrazione Comunale una bozza di progetto per la cartellonistica turistica stradale corredata da note storiche.

Nei successivi due anni il Dott. Bislani partecipa ad alcune conferenze con relazioni storiche su personaggi e fatti che hanno coinvolto i cittadini locali.

Nel 2001 vede un risveglio del centro che infatti organizza un convegno commemorativo su Ciriaco Mordini, si adopera attivamente per il recupero e ricollocazione della lapide a Giuseppe Verdi nel centenario della sua morte. Viene iniziata la rubrica “pillole di storia” nel sito Internet dell’Amministrazione Comunale e si partecipa ad altri convegni con la presentazione di relazioni e studi. Infine in occasione della traslazione delle spoglie di Don Paolo Pigini alla Chiesa della Figuretta e con la partecipazione della famiglia Pigini e della Tecnostampa di Recanati si dà alle stampe il primo numero della “STRENNA DI NATALE 2001 … CASTELLO è SEGRETO”.

Durante la celebrazione della festa di Santo Stefano, Don Bruno Bottaluscio consegna al Sindaco Tersilio Marotta un volume delle Riformanze Comunali del 1571-76 rinvenuto da Renzo Bislani nel corso delle sue ricerche storiche nell’archivio parrocchiale.

Nel 2002, dopo un breve periodo di collaborazione come vice presidente, avviene il passaggio di consegne all’Ing. Baldassarri Tiziano da parte del Dott. Bislani che rimane nel centro come Presidente onorario. In quest’anno si ripete la manifestazione pubblica “LUNEDI ORE 21: LAUREA IN…” e si da alle stampe la seconda “Strenna di Natale 2002 …CASTELLO È SEGRETO” grazie all’aiuto ed il patrocinio sia dell’Amministrazione Comunale che della Banca delle Marche. Ovviamente continuano le inserzioni su Internet “Pillole di storia” e la pubblicazione di articoli sia sul periodico l’Antenna di Osimo che sul Mensile di Castelfidardo a cura del Dott. Bislani.

L’inizio del 2003 vede riunirsi la prima assemblea ordinaria che elegge il consiglio direttivo ed approva gli indirizzi programmatici per il corrente anno. Finalmente, dopo dieci anni di gestazione e speranze, vede la luce il primo Quaderno Della Città di Castelfidardo: il DIARIO di VALDENO VOLTERRA. In autunno viene pubblicata la “STORIA DI CASTELFIDARDO e dintorni” mirabilmente descritta e raccontata dall’instancabile Paolo Bugiolacchi. Sempre in tale anno il C.S.S.F., collabora con la FONDAZIONE DUCA ROBERTO FERRETTI DI CASTELFERRETTO nel progetto provinciale Leggere il 900, dove è impegnata con la pubblicazione del volume sulla vita di Paolo Soprani oltre che alla realizzazione di una mostra fotografica retrospettiva. Mentre la mostra sarà effettuata nell’estate del 2004, la pubblicazione del libro – per alcune difficoltà burocratiche – sarà rimandata al terzo anno di sviluppo del progetto.

Alla fine del 2004 viene pubblicato il quarto numero della “Strenna di Natale 2004 …CASTELLO È SEGRETO” che chiude, come già avvenuto alla fine del 2003 con l’uscita del terzo numero, un anno di attività in ricerche, pubblicazioni di Pillole, collaborazioni con altre associazioni culturali.

Il 2005 è stato un anno ricco di avvenimenti e impegni: oltre al volume “LA PARTITA: Amilcare Cristallini e Maria Carolina Egidi – Cronaca familiare”, il Centro Studi pubblica due nuovi Quaderni della Città di Castelfidardo, il n. 2 “I BRILLARELLI” ed il n. 3 “Una nuova era per Castelfidardo: I SOPRANI una famiglia, un’epoca” entrambi realizzati dall’instancabile Paolo Bugiolacchi con la collaborazione, per la seconda opera, di Renzo Bislani e di Beniamino Bugiolacchi. Assieme ad altre associazioni culturali locali viene allestita una mostra retrospettiva di fotografie della prima metà del secolo scorso all’interno della manifestazione culturale “LEGGERE IL NOVECENTO” riscuotendo, come prevedibile, un enorme successo. Stiamo organizzando, per l’inizio del 2006, una nuova edizione della mostra anche sollecitati dalle numerose richieste di prosecuzione.

Riuscitissima è stata poi la manifestazione “I GIOVANI A CACCIA DEI TESORI DI CASTELFIDARDO” che si è svolta il 14 maggio festa dei SS. Patroni. Alla caccia al tesoro una cinquantina di giovani tra i 16 e i 25 anni, suddivisi in 12 squadre, per risolvere dei quesiti, anche di storia locale, si sono spostati all’interno della città e quindi hanno potuto vedere da vicino musei, terzieri, fonti, monumenti ed altre bellezze cittadine.

Nella quinta edizione della Strenna Natalizia troviamo un apprezzabile lavoro multimediale in un CD che raccoglie tutte le PILLOLE DI STORIA FIDARDENSE che ci regala il dott. Bislani, nostro presidente onorario, quasi settimanalmente sul sito web ufficiale del Comune di Castelfidardo (www.comune.castelfidardo.an.it). Assieme alle pillole, nella seconda parte del CD, pubblichiamo un’interessante raccolta di omelie ed articoli di stampa riguardanti la visita del defunto pontefice S.S. Giovanni Paolo II a Loreto.

Le “Pillole di storia fidardense”, apparse su internet nel 2001,  hanno raggiunto il numero di 70. La rubrica è letta dai castellani, in particolare i giovani, ma anche dai Castellani “fuori le mura” o all’estero. Lunedì 7 novembre 2005 le “pillole di storia fidardense” hanno battuto il proprio record di pagine viste in un sol giorno che sono ben 276.  Il portale Web del Comune sta ottenendo un successo enorme, grazie soprattutto alla costanza, alla creatività e alla capacità del responsabile del servizio Roberto Ballone Burini. Le visite e le pagine lette aumentano sempre di più, mese dopo mese. La storia del CED è breve: con delibera di Giunta del settembre 1999 si era individuato il responsabile della nuova rete per la gestione della banca dati comunale. Poi con determinazione del settore Ragioneria del dicembre 2000 sono stati stanziati i fondi per la realizzazione del sito internet. Il battesimo è avvenuto in occasione della manifestazione “Un giorno per Castelfidardo” quando è stato presentato ai cittadini il nuovo strumento di comunicazione e di dialogo tra l’amministrazione e l’utenza. Nel monitoraggio che va dal 1° al 31 ottobre 2005, le “Pillole” si piazzano abbastanza in alto con 1.557 pagine lette e quindi con una media giornaliera di oltre 50 unità. Nello stesso periodo il totale generale delle pagine visitate nel portale web comunale sono 56.494, mentre il numero dei visitatori sono stati circa 9.900. La rubrica storica ha carattere tematico e cronologico con cadenza di uscita quindicinale, forse è unica del suo genere nei web comunali. Il 23 gennaio del 2005, addirittura, le pagine dedicate alle “Pillole” hanno avuto più pagine viste (291) rispetto a quella della homepage (279). In generale, il periodo gennaio-ottobre 2005 è stato un successo per il portale web comunale e per le pagine delle “pillole di storia”, questi sono i numeri: totale pagine consultate 346.041, totale visite 77.271, tempo medio di ogni visita 6 minuti e 14 secondi, totale “pillole” consultate 10.535. Infine, l’origine geografica dei visitatori, con al primo posto gli italiani  con 63.395 visite, seguono Germania (1.445), Stati Uniti (1.267), Francia (972), Svizzera (711), Regno Unito (682), Spagna (654), Giappone (642), Olanda (574), Canada (376), ed altre 49 nazioni.

Anche nel 2006 le iniziative non sono state da meno. Abbiamo infatti dato alle stampe un nuovo quaderno – il soldato Alessandro Ruffini -, è stata presentata la seconda edizione della mostra fotografica in collaborazione con altre associazioni culturali all’interno del progetto provinciale LEGGERE IL 900, abbiamo contribuito con le nostre documentazioni ed esperienze alla diffusione di spaccati di storia locale durante alcuni convegni ed in collaborazione con le locali scuole medie. Chiuderà l’impegno annuale la pubblicazione della STRENNA 2006 che come sempre oltre ai noti autori comprende anche il contributo di nuove leve e nuovi argomenti.

Nel 2007 ci vede impegnati nella stampa del 5° Quaderno dove Lucia Foschino espone un interessante raccolta di testimonianze ed episodi sui bambini nei campi di concentramento nazisti. A fine anno abbiamo poi l’uscita del nuovo numero della STRENNA 2007. Ovviamente si continua anche con ricerche personali e la consueta esposizione di Pillole nel web cittadino.

Nel 2008 oltre alla STRENNA 2008 ed alle Pillole di Storia nel web, ci vede impegnati nella riuscita 3^ edizione di LAUREA IN… con la partecipazione di ben 26 neolaureati che in 5 serate ci hanno esposto la loro tesi di laurea.

Nel 2009 oltre alla pubblicazione della STRENNA 2009, abbiamo collaborato con le scuole medie locali per realizzare uno stradario comunale a schede dove vengono rappresentate foto della via, le attività e/o luoghi particolari ed eventuali personaggi tipici. Purtroppo per mancanza di fondi ed in attesa di uno sponsor non possiamo pubblicare l’interessante lavoro svolto dagli alunni. Inoltre abbiamo collaborato con la PROLOCO, la Fondazione Ferretti e la sezione locale di Italia Nostra per fornire informazioni storiche ai ragazzi che svolgevano il servizio civile. Il nostro Renzo Bislani pubblica una memoria sulla storia della frazione di OSIMO STAZIONE dopo aver contribuito alla realizzazione del relativo libro a cura di Massimo Morroni “Abbadia Osimo Stazione. Storia, memoria e immagini”, edito nel 2005”

Il 2010 ci ha visto impegnati nella preparazione delle attività per i festeggiamenti del 150° anniversario della battaglia di Castelfidardo che ha dato il là per la successiva unificazione dell’Italia. Abbiamo infatti preso parte attiva nei vari comitati istituiti allo scopo. Ovviamente viene pubblicata la decima edizione della STRENNA 2010 che quest’anno, anche e soprattutto per la ricorrenza del citato anniversario, sarà  molto corposa, ben oltre le 300 pagine.

I suddetti comitati continuano anche nel 2011 in cui viene ricordato il 150° della proclamazione dell’unità nazionale. Non è mancata la pubblicazione della STRENNA 2011, ridotta nelle pagine ma non nei contributi raccolti dai vari autori.

In questo 2012 appena trascorso è stato ricordato il 100° anniversario dell’inaugurazione del nostro Monumento Nazionale delle Marche dedicato al Gen. Enrico Cialdini storico comandante dell’esercito piemontese che sconfisse quello pontificio nella battaglia del 18 settembre 1860. Questo è stato per il nostro Centro Studi un anno particolarmente prolifico e ricco di pubblicazioni. Abbiamo infatti pubblicato due quaderni, uno sulla famiglia SERENELLI a Castelfidardo negli ultimi tre secoli e l’altro ha raccolto le vicissitudini della scuola cittadina in questi ultimi 150 anni, e l’attuale STRENNA 2012 che raccoglie diversi articoli ma tutti legati da un unico filo conduttore: la FEDE e come l’hanno vissuta i Castellani attraverso le chiese, i personaggi e gli avvenimenti.

Ovviamente non abbiamo mai smesso di inviare nello spazio virtuale le nostre Pillole di Storia arricchite ultimamente dalla pubblicazione di due e-book che proponiamo ai lettori in sostituzione dei Quaderni sicuramente più costosi ed impegnativi.

Il Centro Studi Storici Fidardensi “Don Paolo Pigini” ha già pubblicato i seguenti volumi:

  • …CASTELLO è SEGRETO: STRENNA DI NATALE 2001 (autori vari)
  • …CASTELLO è SEGRETO: STRENNA DI NATALE 2002 (autori vari)
  • …CASTELLO è SEGRETO: STRENNA DI NATALE 2003 (autori vari)
  • …CASTELLO è SEGRETO: STRENNA DI NATALE 2004 (autori vari)
  • …CASTELLO è SEGRETO: STRENNA DI NATALE 2005 (autori vari)
  • …CASTELLO è SEGRETO: STRENNA FIDARDENSE 2006 (autori vari)
  • …CASTELLO è SEGRETO: STRENNA FIDARDENSE 2008 (autori vari)
  • …CASTELLO è SEGRETO: STRENNA FIDARDENSE 2009 (autori vari)
  • …CASTELLO è SEGRETO: STRENNA FIDARDENSE 2010 (autori vari)
  • …CASTELLO è SEGRETO: STRENNA FIDARDENSE 2011 (autori vari)
  • …CASTELLO è SEGRETO: STRENNA FIDARDENSE 2012 (autori vari)
  • …CASTELLO è SEGRETO: STRENNA FIDARDENSE 2013 (autori vari)
  • …CASTELLO è SEGRETO: STRENNA FIDARDENSE 2016 (autori vari)

  • STORIA DI CASTELFIDARDO e dintorni (di Paolo Bugiolacchi

  • LA PARTITA: Amilcare Cristallini e Maria Carolina Egidi – Cronaca familiare (di Renzo Bislani)

  • 1° Quaderno della Città di Castelfidardo: DIARIO di VALDENO VOLTERRA (a cura di Marino Cesaroni)
  • 2° Quaderno della Città di Castelfidardo: LA TIPOGRAFIA BRILLARELLI (di Paolo Bugiolacchi)
  • 3° Quaderno della Città di Castelfidardo: Una nuova era per Castelfidardo: I SOPRANI, una famiglia un’epoca (di Paolo Bugiolacchi – Renzo Bislani)
  • 4° Quaderno della Città di Castelfidardo: IL SOLDATO ALESSANDRO RUFFINI (atti del convegno tenutosi a Castelfidardo il giorno 11-11-2005)
  • 5° Quaderno della Città di Castelfidardo: I BAMBINI NEI CAMPI DI CONCENTRAMENTO (di Lucia Foschino)
  • 6° Quaderno della Città di Castelfidardo: I SERENELLI e non solo A CASTELFIDARDO NEGLI ULTIMI TRE SECOLI (di Tiziano Baldassarri)
  • 7° Quaderno della Città di Castelfidardo: CENTOCINQUANTA ANNI DI ITALIA E DI SCUOLA PUBBLICA IN CASTELFIDARDO (1861-2011) (a cura di A. Brandoni – A. Saracini – A. Trucchia)
  • 8° Quaderno della Città di Castelfidardo: Il piccolo grande LEO GABBANELLI (di Tiziano Baldassarri)
  • 9° Quaderno della Città di Castelfidardo: I LEPRETTI, otto secoli di storia (di Tiziano Baldassarri – Marco Moroni)

  • 1° e-book “Svolazzi” di Renzo Bislani

  • 2° e-book “La Serva di Dio Maria Maddalena Tartaglini da Castelfidardo di Renzo Bislani